Addestrare il cane ti evita problemi e spese

resta

Chi ha un cane, anche un piccolo cane, potrebbe avere bisogno di correggere alcuni suoi comportamenti che possono portare a gravi disagi, come dover risarcire un vicino o un passante. Purtroppo infatti, sono tante le richieste che ogni anno vengono inoltrate a uno studio legale esperto in risarcimento danni cagionati dai cani, sia quelli randagi (ma questo a noi non importa ora) che da quelli di proprietà, e qui invece il problema riguarda proprio i proprietari che si possono trovare a rispondere dei danni causati dal proprio amico a quattro zampe. La responsabilità per tali danni è disciplinata dall’art. 2052 del codice civile: il proprietario, secondo questo articolo, è responsabile a meno che non dimostri il caso fortuito.

Addestrare il cane, serve a lui e serve a te

Proprio per evitare di incorrere in simili casistiche, molti proprietari, saggiamente, decidono di addestrare il proprio beniamino in modo da ridurre il più possibile eventuali rischi. Ma se questo è uno dei motivi principali che portano i possessori di cani ad addestrare i loro animali, non è di certo l’unico. Altri buoni motivi sono il fatto che un animale addestrato è meno ansioso e stressato e sa reagire meglio a determinate situazioni, basti pensare a un cane ansioso che viene lasciato solo a casa, anche solo per qualche istante, è capace di combinare veri e propri disastri.

Non solo, addestrare il cane significa anche metterlo in sicurezza. Se per esempio si ha un giardino, il cane, attratto da qualche gatto, da un passante o dalle auto, potrebbe scavalcare la recinzione e buttarsi senza cognizione nel traffico. La sua vita correrebbe gravi pericoli. Un altro rischio che si può evitare mediante l’addestramento è quello che il cane, durante la passeggiata, possa ingerire qualche boccone avvelenato che, di quando in quando, viene purtroppo sistemato ad hoc da persone prive di scrupoli.

Sviluppare la socialità del cane

addestramentoUn altro motivo fondamentale per cui è importante portare ad addestrare il cane è quello di renderlo un animale socievole. Molti proprietari pensano che addestrare il cane significhi sostanzialmente sottoporlo ad allenamenti per imparare giochi simpatici o per attaccare. Non è per niente così, molti addestratori oggi sono anche dei comportamentisti, quindi riescono a educare (più che addestrare) il cane a comportarsi nel modo più adatto per una buona convivenza con gli umani e con gli altri animali.

Per quanto riguarda la socializzazione del cane, è bene iniziare da presto, in modo che il cucciolo si abitui a interagire con le persone e con altri cani o eventualmente gli altri animali della casa, nonché i bambini. Questo è molto importante perché portare a passeggio un cane che abbaia qualsiasi altro cane sarebbe una cosa impossibile e stressante per cane e padrone, meglio quindi educarlo da subito in modo da poter avere entrambi una buona vita sociale assieme.

Cane che abbaia non morde

Non sempre il detto è vero, tuttavia, onde evitare sgradevoli episodi con vicinato o passanti, è sempre bene educare il cane alla presenza degli altri, va bene ii cane da guardia, ma se questo non ha un ottimo equilibrio e morde in circostanze non di rischio per la casa e i suoi abitanti, allora c’è senza dubbio un problema da affrontare. Un buon cane equilibrato sa riconoscere le situazioni di potenziale pericolo e reagisce a quelle, nelle altre circostanze si mantiene calmo e attende un ordine del proprietario.